Home 
Filosofia 
News 
Reviews 
Relics 
Interviste 
Retrospettive 
Concerti 
Links 
Forum 
Contatti 

13/03/2003
Artista: ORANGE POWER
Album: Orange Power
Anno: 1977

Gli Orange Power, sono un classico gruppo sottobosco underground progressive che non è mai riuscito ad emergere.
Oscuro gruppo Viennese composto da 5 elementi e guidato dal leader Peter Janda, incise ne 1977 un LP per l’etichetta Philips.
Il disco parte con una bella ballata, America, e si sviluppa in brevi brani, della durata di circa 5 minuti, per terminare con il brano più lungo del’album, Sunlight Soldier di 11 minuti circa.
Il disco non eccede in virtuosismi particolari, la musica si incentra soprattutto sulla chitarra di Gino Pertoi e la tastiera di Peter Janda in giochi e intrecci musicali che divertono e rendono il disco piacevole.
La musica è comunque molto personale e non si avvicina ne si ispira in senso esplicito ai grandi gruppi dell’epoca: il suono delle tastiere e il loro stile compositivo ricorda in qualche modo la musica di Dave Greenslade e anche le parti di canto, in inglese sono ben riuscite.

Nel complesso l’album è da considersi molto buono ed è comunque la testimonianza storico musicale di un paese, l’Austria che non è stata molto generosa nella scena progressive internazionale.

Purtroppo l’album non è stato ristampato su supporto digitale, il vinile è di difficile reperibilità e le quoatzioni sono alte ma se per mercatini riuscite a scovarne una copia, non lasciatevela scappare.

Nazione: Austria
Etichetta: Philips (Solo Vinile)

Lele  
04/05/2003
Artista: OPUS 5
Album: Contre-Courant
Anno: 1976

Percorrendo le strade del progressive sinfonico canadese, non potevo ignorare gli Opus 5, gruppo del Quebec composto da 5 elementi:

Olivier Duplessis: tastiere e voce
Luc Gauthier: Chitarra, Voce
Serge Nolet: Flauto, Voce
Christian Leon Racine: Basso Vove
Jean pierre Racicot: Percussioni, Voce

Il gruppo ha all’attivo due album di grande spessore: Contre-courant inciso nel 1976 e Serieux au pas, inciso tredici anni dopo, nel 1989.

L’album di esordio, Contre - courant, è sicuramente il più interessante: Le composizioni musicali ricordano lontanamente i Renaissance, ma mantengono uno stile molto personale.
L’album e composto da 5 brani molto romantici e intricati dove emergono e si impongono il flauto di Nolet e il piano di Duplessis. L’insieme viene arricchito da delle belle parti di chitarra acustica ed elettrica e dalle parti cantate con voci maschili mai invadenti o pesanti in lingua francese.

Il secondo album e composto da 13 brani e sembra diviso in due parti:
La prima parte ricorda compositivamente il primo album con sonorità più moderne, vengono privilegiate l’uso delle tastiere elettriche e il piano viene utilizzato meno frequentemente, la presenza del flauto è sempre molto marcata.
Nella seconda parte dell’album si passa a brani più leggeri e a canzoni accompagnate dalla chitarra acustica che hanno momenti interessanti e altri passaggi più scherzosi e folkeggianti.
Nel complesso Serieux ou pas, malgrado alcuni cali di tono, è un buon album, da cercare senza esitazioni.

I due album sono stati ristampati in CD agli inizi degli anni 90 dall’etichetta giapponese Marquee, il packaging è molto scarno e non offre informazioni sul gruppo se non in lingua giapponese; Per di più sono fuori catalogo da una vita.
Serieux ou pas è più facile da reperire nei vari cataloghi di rarità, Contre-courant è sicuramente più difficile da trovare ma la ricerca è consigliata.

Nazione: Canada
Etichetta: Marquee

GENERAL REFERENCES
Genre
 Symphonic Prog. Music
References
 Renaissance
Vocals
 Moderate use
Language
 French– Male
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
 Good
Performance
 Very Good
Sound Quality
 Good
EDITOR'S PATHOS
Composition
 Good
Feeling
 Good
Originality
 Very Good
Click here for the legend
LEGEND
  • GENRE: it refers to one or several subtypes of progressive music or music trends that influence the work.
  • REFERENCES: it aims to mention one or several famous groups (they may also be chronologically younger bands in case old groups are not famous enough, the aim is to describe the sound pervading the record)
  • VOCALS: it indicates the amount of vocals used in the work.
  • LANGUAGE: it says what language/s is/are used to sing or recite the lyrics in the work
  • TECHNIQUE: it refers to the technical skills the score requires.
  • PERFORMANCE: it assesses how skilfully the score was performed (it could be defined as excellent even if the TECHNIQUE has been considered poor, in case a simple score has been correctly executed)
  • SOUND QUALITY: it refers to the recording quality, it does not relate to the choice of timbre
  • COMPOSITION: it refers to the quality of the composition.
  • FEELING: editor’s personal judgement
  • ORIGINALITY: it shows how innovative the work is
click on this window to close

Lele  
04/12/2003
Artista: OPUS EST
Album: Opus I
Anno: 1983

Annunciata da molto tempo, è finalmente uscita la ristampa in cd del primo album del gruppo svedese Opus Est.
Il gruppo si formò nel 1978 ad opera di Kent Olofsson, diventato poi compositore di musica da camera e musica elettronica.

La prima stampa dell’album Opus 1 è comparsa nel 1983, il disco è stato stampato in edizione limitatissima ed è diventato uno dei vinili più quotati del rock progressivo.
Opus 1 si ispira al progressive inglese dei tempi d’oro, Genesis e Yes (del periodo drama).
Il sound è dominato dalle tastiere e dalla chitarra elettrica, il cantato ricorda in parte lo stile di Peter Hammill.
Il disco purtroppo ha delle grosse carenze compositive e strutturali: il suono delle tastiere è troppo “sintetico” e monotono, sembra quasi influenzato dal nascente movimento New Wave: non vi è una grossa varietà di suoni… qualche inserimento di minimoog o di Mellotron avrebbe arricchito la composizione rendendola più interessante.
La batteria è poco fantasiosa: seppur ben frazionata ha uno stile troppo “scolastico”, che rende ingenuo e banale ciò che potrebbe essere decisamente valido.
I brani sono abbastanza lunghi e dilatati ma il gruppo è stato, per qualche verso, troppo pretenzioso:
troppe idee e poca sostanza.
Peccato, abbiamo aspettato tanto tempo…


Nazione : Svezia

Etichetta: Musea

GENERAL REFERENCES
Genre
Rock Progressive
References
Yes, Genesis EL&P
Vocals
Substantial use
Language
English Male
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Performance
Sound Quality
EDITOR'S PATHOS
Composition
Feeling
Originality
Rating levels






Very Poor
Poor
Acceptable
Good
Very Good
Excellent

Lele  
 <<  1  >> 
Passa alla versione Inglese
Username

Password
Iscrizione Utenti
 
Artista
CD Studio
Doppio
Singolo
DVD
Solista
Live
Bootleg
Relics
Anno
Evento
Nessun Evento