Home 
Filosofia 
News 
Reviews 
Relics 
Interviste 
Retrospettive 
Concerti 
Links 
Forum 
Contatti 

07/04/2003
Artista: LIBRA
Album: Musica e parole
Anno: 1975

È finalmente uscito edito dalla BMG la ristampa di “Musica e parole”, primo album del gruppo romano Libra.
I Libra esordirono sulla scena musicale nel 1974 facendo da supporter al Banco del Mutuo Soccorso ; nel 1975 incisero il loro primo lavoro per la Ricordi.
Nel gruppo spiccano nomi eccellenti del progressive italiano di quel periodo:
Il tastierista Sandro Centofanti ex Buon Vecchio Charlie e il cantante chitarrista Federico D’andrea ex Logan Dwight.
Il disco è composto da sei brani: molto vario nello stile, si sente l’influenza jazz Rock e funky soprattutto in brani come "Pegno D’amore" o come nella mini suite strumentale “Inquinamento”dove il gruppo riesce a esprimere al meglio il suo valore compositivo, lasciando spazio all’improvvisazione.
Non mancano canzoni più leggere e spensierate, dove spicca l’uso di strumenti acustici, o al brano Live in lingua inglese "Beyond the Fence" dove l’orientamento del gruppo è decisamente Hard Rock.
Nel complesso l’album è fresco e piacevole malgrado alcuni cali di tono.
Esiste anche una versione in lingua inglese di “Musica e parole” intitolato semplicemente Libra, uscito per il mercato americano per l’etichetta Motown.

Nazione: Italia
Etichetta: Ricordi(LP)/BMG (CD)


Lele  
03/04/2003
Artista: TRUE MYTH
Album: True Myth
Anno: 1979

I True Myth sono un sestetto canadese originario di London, Ontario.
Il fondatore della band fu Tom Truemuth, tastierista, che contattò cinque studenti del Fanshawe College formando il gruppo True Myth.
Nel 1979 Tom riuscì a siglare un contratto discografico con la WB, producendo il primo album “True Myth”.
La musica dei True Myth è di chiara ispirazione Yes: la voce di Malcom McGuigan, calda e coinvolgente, le chitarre di Tony Cook e Bob Stirajs s’intrecciano in giochi e assoli trascinanti magistralmente guidati dal piano elettrico, tastiere e mellotron di Tom Truemuth.
La batteria di Kirk Deveraux ben scandita e frazionata e l’accompagnamento del basso di Steve McKenna, non sono mai scontati o banali e si amalgamano con gli altri strumenti creando un feeling caldo e armonioso.
Quello che però impressiona in questo lavoro è l’immediatezza della Musica: fin dalle prime note ci s’immerge nell’atmosfera del disco, lasciandosi trasportare dal fiume di note e melodie magiche e intricate che ci accompagnano in un finale sognante.
Il disco purtroppo, è reperibile solo in vinile: le sue quotazioni si aggirano dai 50 ai 70 euro ed è difficile trovarne una copia.
Nota storica - True Myth è stato il primo LP in Canada ed il secondo al mondo (Il primo è stato Stevie Wonders con “ Secret life of Plants”) ad essere registrato con la tecnologia digitale


Nazione: Canada
Etichetta: Warner Bros (Solo Vinile)

Lele  
02/04/2003
Artista: DICE
Album: Dice
Anno: 1978

Dal 1978, nel firmamento del Rock Progressivo, brilla la stella degli svedesi DICE. Questo primo lavoro (dei Dice ne esiste anche un secondo, postumo ed altrettanto valido) è considerato da sempre un grande album ed è tuttora ricercatissimo dagli appassionati Prog dal palato più raffinato. Uscito in LP per Marilla Records è stato successivamente ristampato in CD dall’etichetta giapponese Belle Antique.

Cantato in inglese, si tratta di superbo Prog-Rock-Sinfonico. A tratti sperimentale, compositivamente parlando è ineccepibile. Uno dei più bei dischi Prog di fine anni ’70.

E’ un lavoro composto sia da brani cantati che interamente strumentali. Spicca tra le sonorità il mellotron. I testi sono impegnati e guardano lontano (parlavano già del buco nell’ozono!).
Molti affermano che questo disco sia una sorta di Big Ben del Prog-Rock svedese, la cui eredità oggi è in mano agli Anglagard (ci sono parecchi parallelismi e similitudini, in particolare in Hybris).

Il primo lato è tutto un gioiello: quattro brani molto vari, dalle melodie memorabili, complesse, raffinate, con parecchi spunti interessanti. Il lato B è il capolavoro dei DICE: un’elegantissima e superba suite di ventidue minuti, divisa in vari movimenti, mai scontata, coinvolgente, dai suoni caldi, a tratti romantici a tratti carichi del miglior Rock Progressivo ricercato. Uno dei momenti più alti tra i lavori “minori” del periodo.

Il cast: Leif Larsson (tastiere e coro), Fredrik Vildo (basso e coro), Robert Holmin (Sax, voce)
Orian Strandberg (chitarre, coro) Per Andersson (percussioni e coro).

Un disco da non perdere (se lo trovate!), indicato per chi ama le sonorità degli anni 70.

Buon Ascolto!

SVE
LP Marilla Records/CD Belle Antique

Stefano R  
 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40  41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  >> 
 
Le Reviews sono raggruppate per iniziale dell'Artista
[0][17][8][12][5][10][2]
[5][3][3][5][12][7][13]
[2][3][8][1][7][9][8]
[2][0][1][0][2][4]
Passa alla versione Inglese
Username

Password
Iscrizione Utenti
 
Artista
CD Studio
Doppio
Singolo
DVD
Solista
Live
Bootleg
Relics
Anno
Evento
Nessun Evento