Home 
Filosofia 
News 
Reviews 
Relics 
Interviste 
Retrospettive 
Concerti 
Links 
Forum 
Contatti 

05/02/2007
Artista: DAVID THOMAS
Album: Monster
Anno: 1981-87

Immaginatevi cosa sarebbe successo se Arthur Brown fosse nato quindici anni più tardi e alle elementari avesse avuto come compagni di banco David Allen e Fred Frith, …l’approssimazione che otterreste è solamente un ritratto per difetto della follia di questo personaggio matto come un cavallo dopato.
In questi quattro cds contenenti cinque LPs dell’epoca (1981/1987) troviamo tantissima teatralità estrema, una buona dose di ironia, del “cazzeggio” colto (o presunto tale) e, infine, del buon tardo RIO.
La musica di spessore, principalmente dovuta ad alcuni degli ospiti presenti nei suoi lavori (Chris Cutler, Fred Frith,…), è quantificabile attorno al 30-35% del totale, il che, considerando il costo del cofanetto (14-15 € nuovo, comprese le spese di spedizione), rende l’oggetto potenzialmente appetibile. A voi la decisione.

LABEL: COOKING VYNIL
CATALOG: COOKCD320

GENERAL REFERENCES
Genre
Avant-garde
References
Pere ubu, Lindsay Cooper, Chris Cutler
Vocals
Substantial use
Language
English-male
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Performance
Sound Quality
EDITOR'S PATHOS
Composition
Feeling
Originality
Rating levels






Very Poor
Poor
Acceptable
Good
Very Good
Excellent



Ruggero  
05/02/2007
Artista: JULVERNE
Album: Ne Parlons Pas De Mahleur
Anno: 1986

Inaspettata ristampa coreana (credo) per questo gran bel disco uscito a metà degli anni ottanta (1986). I Julverne sono una formazione ben nota, fra le più apprezzate nel panorama progressive “colto”, fautori di una musica definibile come avanguardia da camera con influenze progressive, spesso accomunati agli Univers zero, anche se molto meno scuri e minimali rispetto alla creatura di Daniel Denis; in questo lavoro ci presentano composizioni raffinate, con accenti a volte sinistri, di standard qualitativo elevato, eleganti, piacevoli ed intriganti. Potremmo dire quindi un piccolo classico del sottogenere chamber-prog-avant music, tanto per riempirci la bocca con l’ennesima formula altisonante.
Consigliato.
Label: Beatball

GENERAL REFERENCES
Genre
Prog, chamber music
References
Univers Zero
Vocals
None
Language
None
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Performance
Sound Quality
EDITOR'S PATHOS
Composition
Feeling
Originality
Rating levels






Very Poor
Poor
Acceptable
Good
Very Good
Excellent



Ruggero  
23/01/2007
Artista: BISE DE BUSE
Album: Joue sa musique
Anno: 1981

Bellissima sorpresa (gruppo a me ignoto): 70 minuti di RIO jazzato ottimamente composto e ben suonato, anche se a tratti con esiti un po' scarni. I riferimenti sono i Soft machine, il canterbury e, specialmente, la cameristica contemporanea e gli Univers zero. Le incisioni risalgono al 1981, effettuate a Strasburgo da un manipolo di musicisti ispirati con strumentazione ridotta per i primi nove brani (i migliori, eseguiti con Sassofoni, violoncello, piano e sintetizzatori) ed allargata per i rimanenti quattro (meno buoni, più improvvisati e canonici, eseguiti con chitarra, basso e batteria in aggiunta). Qualità audio accettabile nelle prime nove tracce, lacunosa nelle seguenti. Di spessore: consigliato a tutti gli amanti del RIO.

LABEL: MUSEA
CATALOG: FGBG 4684.AR

GENERAL REFERENCES
Genre
RIO, chamber music, jazz rock, prog
References
Univers zero, Soft machine
Vocals
None
Language
None
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Performance
Sound Quality
EDITOR'S PATHOS
Composition
Feeling
Originality
Rating levels






Very Poor
Poor
Acceptable
Good
Very Good
Excellent



Ruggero  
 
<< 1 2 3  4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  >> 
 
Le Reviews sono raggruppate per iniziale dell'Artista
[0][17][8][12][5][10][2]
[5][3][3][5][12][7][13]
[2][3][8][1][7][9][8]
[2][0][1][0][2][4]
Passa alla versione Inglese
Username

Password
Iscrizione Utenti
 
Artista
CD Studio
Doppio
Singolo
DVD
Solista
Live
Bootleg
Relics
Anno
Evento
Nessun Evento