Home 
Filosofia 
News 
Reviews 
Relics 
Interviste 
Retrospettive 
Concerti 
Links 
Forum 
Contatti 

03/06/2003
Artista: CRACK
Album: Si todo Hiciera Crack
Anno: 1979

La Spagna in ambito prog. sinfonico ha prodotto nel corso degli anni 70 validi dischi che nel nostro paese sono rimasti nell’ombra o che comunque, in quegli anni, non sono mai arrivati fin qui.
Con il Revival dei primi anni 90 e con le prime ristampe giapponesi e coreane abbiamo avuto modo di apprezzare i prodotti Spagnoli come Crack.
Autori di un unico album edito nel 1978 i Crack ci offrono un prog sinfonico maturo ed elegante, molto romantico e intricato, caratterizzato dall’ampio uso di tastiere e flauto.
L’overture iniziale “Descenso en el Mahellstrong” interamente strumentale ci da un assaggio di quello che sarà poi il filo conduttore dell’album: il suono è influenzato dalle correnti inglesi e latine, quali PFM, Genesis ed E.L.P. ma con una vena folk spagnola, poco invadente, quasi in sordina, che dona personalità al lavoro.
L’album non eccelle nella voce, cantato in spagnolo, e in alcuni passaggi accompagnato da voce femminile.
Il culmine viene toccato con i brani “Marchando una del Cid (Prt.I & II) “ e la title track “Si todo Hicira Crack”, coinvolgenti carichi di romanticismo e di drammaticità.
Malgrado alcune ingenuità, complessivamente “Si todo Hiciera Crak“ è da considerarsi un classicone imperdibile da ricercarsi senza esitazioni.
E' stato ristampato in corea da Si-Wan Records nella prima metà degli anni novanta, sia in vinile che in cd, ma dovrebbe esistere una ristampa della Fonomusic spagnola che, anche se più scarna nel package, è sicuramente più economica.
Inutile dire che il vinile originale viaggia a quotazioni abbastanza alte, per quanto non sia raro imbattersi in qualche copia.
Buona ricerca!

Nazione: Spagna
Etichetta: Si-Wan

GENERAL REFERENCES
Genre
Symphonic Prog. Music
References
PFM, Genesis, E.L.P
Vocals
Moderate use
Language
Spanish – Male/Female
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Good
Performance
Very Good
Sound Quality
Good
EDITOR'S PATHOS
Composition
Acceptable
Feeling
Excellent
Originality
Good
Click here for the legend
LEGEND
  • GENRE: it refers to one or several subtypes of progressive music or music trends that influence the work.
  • REFERENCES: it aims to mention one or several famous groups (they may also be chronologically younger bands in case old groups are not famous enough, the aim is to describe the sound pervading the record)
  • VOCALS: it indicates the amount of vocals used in the work.
  • LANGUAGE: it says what language/s is/are used to sing or recite the lyrics in the work
  • TECHNIQUE: it refers to the technical skills the score requires.
  • PERFORMANCE: it assesses how skilfully the score was performed (it could be defined as excellent even if the TECHNIQUE has been considered poor, in case a simple score has been correctly executed)
  • SOUND QUALITY: it refers to the recording quality, it does not relate to the choice of timbre
  • COMPOSITION: it refers to the quality of the composition.
  • FEELING: editor’s personal judgement
  • ORIGINALITY: it shows how innovative the work is
click on this window to close

Lele  
02/06/2003
Artista: PRE
Album: PRE
Anno: 1994

Pre: band americana, autori di prog sinfonico di buon livello, dal sapore tipicamente britannico. Nati in USA nel 1972 grazie ai fratelli Al e Larry Collinsworth, ebbero una breve carriera live nel corso del 1973 e si sciolsero nel dicembre di quell’anno, senza riuscire a realizzare alcun disco. Vent’anni dopo, nel 1994, l’etichetta americana ZNR produsse, su suggerimento di Mark Miceli (membro degli Easter Island) il cd che stiamo recensendo: una raccolta di otto incisioni dell’epoca. La voce di Alfred Collinsworth, i passaggi di chitarra elettrica del fratello, gli assoli di tastiere di Brian E. Paulson, ci riportano alla mente l’inconfondibile sound degli YES, anche se, nel complesso, i Pre risultano essere maggiormente romantici e melodici, specialmente in virtù di un ampio uso della chitarra acustica. La sezione ritmica è comunque valida (Steve DeMoss al basso e Dwight Dunlap alla batteria). Il gruppo si esprime al massimo delle proprie capacità tecniche e compositive nelle due suite”Asctic eros” e “ballet for a blindman”. Nonostante alcune cadute di tono e qualche banalità, è un album discreto, meritevole di un posticino nella collezione di ogni amante di Prog-sinfonico.

Nazione:USA
Etichetta: ZNR

GENERAL REFERENCES
Genre
Symphonic Prog. Music
References
Yes
Vocals
Moderate use
Language
English – Male
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Good
Performance
Good
Sound Quality
Acceptable
EDITOR'S PATHOS
Composition
Good
Feeling
Very Good
Originality
Acceptable
Click here for the legend
LEGEND
  • GENRE: it refers to one or several subtypes of progressive music or music trends that influence the work.
  • REFERENCES: it aims to mention one or several famous groups (they may also be chronologically younger bands in case old groups are not famous enough, the aim is to describe the sound pervading the record)
  • VOCALS: it indicates the amount of vocals used in the work.
  • LANGUAGE: it says what language/s is/are used to sing or recite the lyrics in the work
  • TECHNIQUE: it refers to the technical skills the score requires.
  • PERFORMANCE: it assesses how skilfully the score was performed (it could be defined as excellent even if the TECHNIQUE has been considered poor, in case a simple score has been correctly executed)
  • SOUND QUALITY: it refers to the recording quality, it does not relate to the choice of timbre
  • COMPOSITION: it refers to the quality of the composition.
  • FEELING: editor’s personal judgement
  • ORIGINALITY: it shows how innovative the work is
click on this window to close

Lele  
02/06/2003
Artista: MIRTHRANDIR
Album: For you the old woman
Anno: 1973

Era il 1992, quando Greg Walker lanciò sul mercato questo disco che sbalordì il ristretto pubblico di progressive funs… fu una sorpresa per tutti scoprire che negli stati uniti esistevano gruppi sconosciuti, che nel corso degli anni 70, ebbero la fortuna di incidere un disco per poi finire nel dimenticatoio… e a distanza di vent’anni essere ripescati da appassionati alla ricerca di questa merce rara. I Mirthrandir incisero in pochissime copie il loro album nel 1976: il cd è edito da Syn –phonic: nel 92 è stato rimasterizzato dal master originale mettendo in risalto suoni che nel vinile non erano messi in evidenza e risuonando addirittura con l’organo Farfisa alcuni passaggi dell’album. Il lavoro finale è notevole: “For you the old woman” è entrato meritatamente nei classici del progressive underground americano. Il sound dei Mirthrandir è indubbiamente ispirato ai classici contemporanei inglesi che in quel tempo dominavano la scena musicale; Yes soprattutto con qualche reminescenza Genesis, ma sono riferimenti del tutto indicativi. Il sound dei Mirthrandir è personale, drammatico, intricato, l’atmosfera dell’album è molto fluida, le note dei brani scorrono con stile ed eleganza rendendo piacevole l’insieme. Non mancano delle ingenuità, soprattutto in alcuni passaggi della suite finale, Four For, ma visto il livello del lavoro, è sicuramente perdonabile… Degno di nota la suite iniziale, “For you the old woman”: il brano che da il titolo all’album è l’introduzione ma anche l’apoteosi… sicuramente d’effetto anche se ripetitivo in alcuni passaggi. Non mi resta che consigliare la ricerca di questo cd, imperdibile dagli amanti del progressive sinfonico ’70.
Nazione:Usa
Etichetta: Syn-Phonic

GENERAL REFERENCES
Genre
Symphonic Prog. Music
References
Yes/Genesis
Vocals
Moderate use
Language
English – Male
TECHNICAL ASSESSMENT
Tecnique
Very Good
Performance
Very Good
Sound Quality
Good
EDITOR'S PATHOS
Composition
Good
Feeling
Excellent
Originality
Good
Click here for the legend
LEGEND
  • GENRE: it refers to one or several subtypes of progressive music or music trends that influence the work.
  • REFERENCES: it aims to mention one or several famous groups (they may also be chronologically younger bands in case old groups are not famous enough, the aim is to describe the sound pervading the record)
  • VOCALS: it indicates the amount of vocals used in the work.
  • LANGUAGE: it says what language/s is/are used to sing or recite the lyrics in the work
  • TECHNIQUE: it refers to the technical skills the score requires.
  • PERFORMANCE: it assesses how skilfully the score was performed (it could be defined as excellent even if the TECHNIQUE has been considered poor, in case a simple score has been correctly executed)
  • SOUND QUALITY: it refers to the recording quality, it does not relate to the choice of timbre
  • COMPOSITION: it refers to the quality of the composition.
  • FEELING: editor’s personal judgement
  • ORIGINALITY: it shows how innovative the work is
click on this window to close

Lele  
 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33  34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50  >> 
 
Le Reviews sono raggruppate per iniziale dell'Artista
[0][17][8][12][5][10][2]
[5][3][3][5][12][7][13]
[2][3][8][1][7][9][8]
[2][0][1][0][2][4]
Passa alla versione Inglese
Username

Password
Iscrizione Utenti
 
Artista
CD Studio
Doppio
Singolo
DVD
Solista
Live
Bootleg
Relics
Anno
Evento
Nessun Evento